pavimento pelvico

ginecologia-e-ostetricia

Trattamento del pavimento pelvico:

Il trattamento può essere definito come un insieme di tecniche specifiche di tipo conservativo (non si parla di metodiche chirurgiche e/o farmacologiche) finalizzate alla correzione di molteplici disfunzioni .
Esistono diverse problematiche legate ad alterazioni funzionali del pavimento pelvico, organo di estrema importanza per il sostegno e la sospensione dei visceri pelvici (utero, vescica, retto-ano), la continenza urinaria e anale, il parto, la funzione sessuale.

Un ciclo di trattamento riabilitativo varia in genere da 10 a 15 sedute, in relazione della problematica da trattare e della  risposta del paziente, soprattutto nella fase di presa di coscienza dell’area perineale. La cadenza delle sedute deve essere almeno bisettimanale, con durata di un’ora ciascuna.

Il successo della terapia è legato a diversi fattori, ma in gran parte è dovuto all’impegno e alla collaborazione del paziente nell’eseguire la terapia assegnatagli, che comprende anche gli esercizi e i trattamenti da svolgere da solo a casa. Si tratta di un passaggio fondamentale per mantenere il risultato ottenuto anche dopo il termine del ciclo terapeutico.

Ritorna alla pagina precedente
Daria Mercantipavimento pelvico